7 gennaio 2015 | by La Redazione Basilicata IDV
Comune Bella, ass. Ferrone: ripristinare fondo di coesione

I piccoli comuni lucani sono allo stremo con il rischio nell’ anno appena iniziato di non essere in grado di erogare molti servizi minimi ma essenziali per le nostre comunità locali. Va dunque sostenuta la sollecitazione del presidente Anci e sindaco di Matera Salvatore Adduce, di intesa con il coordinatore dell’ Associazione Piccoli Comuni Lorenzo […]

I piccoli comuni lucani sono allo stremo con il rischio nell’ anno appena iniziato di non essere in grado di erogare molti servizi minimi ma essenziali per le nostre comunità locali. Va dunque sostenuta la sollecitazione del presidente Anci e sindaco di Matera Salvatore Adduce, di intesa con il coordinatore dell’ Associazione Piccoli Comuni Lorenzo Felicetta, perché la manovra finanziaria regionale 2015-2017 non cancelli il Fondo di Coesione. Dal 2004 la maggioranza di centrosinistra ha istituito il Fondo sino a triplicarne la dotazione finanziaria nel 2006. Una scelta politica da iscrivere nel buon governo locale che appartiene agli amministratori locali di centrosinistra perché l’ attivazione del fondo per i piccoli Comuni, oltre a rappresentare una opportunità per tanti piccoli interventi di manutenzione urbana, punta ad incentivare la collaborazione fra i Comuni in materia di gestione dei servizi pubblici e l’ attivazione di progetti per la rivitalizzazione dei centri a rischio di spopolamento. In varie annualità è stato alimentato dalle royalties del petrolio a conferma che esse possono dare benefici a tutto il territorio. Piuttosto, le decisioni del Governo non certo “amico” dei piccoli Municipi confermano il fallimento delle politiche di Federalismo nel nostro Paese, perché a fronte della soppressione dei trasferimenti statali non abbiamo oggi nessuna forma stabile, certa e concreta di finanza locale. Comunque, le innegabili difficoltà di liquidità per le finanze della Regione non devono scaricarsi sui municipi persino per la prosecuzione della gestione di servizi sociali ed assistenziali che nelle nostre contrade rurali hanno una funzione essenziale. La Giunta e il Consiglio Regionale individuino in voci di spesa che si sono dimostrati sprechi e misure inefficaci le risorse da destinare al fondo per i piccoli Comuni. Anche da questo valuteremo la volontà di rilancio del programma di centrosinistra al quale abbiamo come Idv contribuito. Carmine Ferrone, assessore al Comune di Bella e componente la segreteria regionale di Italia dei Valori.

Leave a Reply

— required *

— required *