9 luglio 2016 | by La Redazione Basilicata IDV
Bernalda in primo piano agricoltura turismo

BERNALDA. Proseguono gli attestati di solidarietà all’azione di contrasto, intrapresa dal Comune e dagli altri municipi del Metapontino sulla vicenda del pirogassificatore da realizzare nella zona Sin di Metaponto. Le associazioni di tutela dei consumatori Cittadinanza attiva, Lega Consumatori, Movimento difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori, assicurano, in un comunicato stampa, «pieno sostegno all’azione […]

BERNALDA. Proseguono gli attestati di solidarietà all’azione di contrasto, intrapresa dal Comune e dagli altri municipi del Metapontino sulla vicenda del pirogassificatore da realizzare nella zona Sin di Metaponto. Le associazioni di tutela dei consumatori Cittadinanza attiva, Lega Consumatori, Movimento difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori, assicurano, in un comunicato stampa, «pieno sostegno all’azione del sindaco di Bernalda Domenico Tataranno che, assieme a molti suoi colleghi della fascia jonica, intende tutelare una zona naturalmente vocata all’ agricoltura di qualità e al turismo. In un’area ricca di emergenze archeologiche risalenti all’epoca della Magna Grecia.
Senza entrare nel merito della bontà del progetto presentato, le associazioni esprimono «preoccupazione per l’ ubicazione e le dimensioni di un impianto di compostaggio che appare sovradimensionato rispetto alla quantità dei rifiuti prodotti in Basilicata ed il cui impatto ambientale inciderebbe pesantemente sull’intero territorio Metapontino. Con potenziali danni per la qualità della vita e della salute degli abitanti. Tale progetto, infatti, se realizzato, vanificherebbe tutti gli investimenti pubblici e privati nel settore turistico e agricolo. Dalle strutture ricettive all’agricoltura biologica, dalla filiera dell’agroalimentare alle produzioni di eccellenza: le fragole del Metapontino, le orticole, le albicocche e gli agrumi. Insomma, ad un sistema agricolo che fornisce prodotti di qualità all’Europa. Non si tratta – concludono le associazioni dei consumatori – di una posizione partitica o di campanile, ma di un’ azione trasversale alla politica. Un atto d’ amore nei confronti di un territorio e dei sui abitanti, che intende tutelare il diritto alla qualità della vita, del cibo, delle produzioni, oltre che il diritto ad una alimentazione di qualità e alla salute».
Sulla stessa falsariga il comunicato emanato dall’Italia dei Valori di Basilicata, con la referente regionale Grazia Stigliano. Idv esprime «sostegno alla battaglia di difesa del territorio intrapresa dalla Giunta comunale di Bernalda, guidata da Domenico Tataranno e dall’intero comprensorio Meta pontino. Un’ area che va tutelata e non deturpata. Al di fuori dai colori e dalle bandiere politiche.
Sui rifiuti – afferma Stigliano – bisogna sempre vigilare, perché è un tema sensibile, spesso difficilmente controllabile da eventuali infiltrazioni esterne» Secondo Stigliano «l’ opificio proposto non serve allo scopo, né alle esigenze del nostro territorio e perciò appare giusto e legittimo opporsi, in maniera democratica e senza preclusioni».

Leave a Reply

— required *

— required *